Stimolazione midollare epidurale


La stimolazione midollare epidurale è un trattamento avanzato per il dolore cronico, che utilizza impulsi elettrici a bassa intensità, diretti ai nervi lungo la colonna vertebrale. La stimolazione interferisce con la trasmissione dei segnali di dolore al cervello. Quando è efficace, le sensazioni dolorose vengono sostituite con ciò che alcuni pazienti descrivono come una sensazione più gradevole, detta parestesia. La SCS ha aiutato migliaia di pazienti affetti da dolore cronico a recuperare uno stile di vita più attivo.

 


La SCS utilizza l'impianto di un piccolo dispositivo, detto neurostimolatore, che modifica i messaggi del dolore prima che questi vengano inviati al cervello. La sensazione di dolore comunemente avvertita viene sostituita da un'altra sensazione (parestesia) Alcuni pazienti descrivono la sensazione (detta parestesia) come un formicolio o un massaggio. Per molti rappresenta il primo passo verso il legittimo ritorno a una migliore qualità della vita.

 


La stimolazione midollare epidurale richiede l'impianto di diversi componenti tramite una procedura chirurgica, durante la quale,
una o più derivazioni vengono collocate nello spazio epidurale (lo spazio immediatamente sopra la colonna vertebrale). Le derivazioni contengono elettrodi che producono i segnali elettrici da cui deriva la stimolazione e vengono collegate a un piccolo dispositivo elettronico situato subito sotto la pelle. La procedura chirurgica viene eseguita i n day hospital.
La stimolazione midollare epidurale è stata usata con successo con migliaia di persone in tutto il mondo, negli ultimi vent'anni. La SCS è stata approvata dalla Food and Drug Administration (FDA) americana per il trattamento di determinati tipi di dolore cronico, quali dolore a braccia, gambe e/o tronco.

 

 

Viene utilizzata per combattere alcuni tipi di dolore cronico benigno quale quello secondario a ripetuti interventi sulla colonna vertebrale (sindrome postlaminectomia,low back pain, failed back surgery sindrome), le nevralgie posterpetiche, il dolore da arto fantasma (dolore dell’amputato), dolore da lesione di un nervo, l’angina pectoris (dolore da ischemica cardiaca), il dolore da vasculopatia ostruttiva periferica (arteriosclerosi arti inferiori).

 

    

 

(Per approfondimenti: nopain.it)